collagene marino

Il Collagene: cos’è, a cosa serve e dove si trova

Il collagene è una proteina di origine animale presente nella pelle, nel tessuto connettivo, osseo e cartilagineo (ossa, legamenti, tendini e cartilagine) ed è molecola proteica più abbondante nei vertebrati e una componente fondamentale del corpo umano.

La funzione del collagene è di tenere insieme le diverse strutture del corpo. Se chiediamo a cosa serva il collagene, la risposta potrebbe essere che è un tipo di adesivo che lega le cellule, fornendo resistenza, compattezza ed elasticità, sia per la pelle che per i muscoli, i legamenti, i tendini e le articolazioni.

Il nostro corpo è responsabile della produzione del proprio collagene. Ora, con il passare degli anni e l’invecchiamento del nostro corpo, la produzione di collagene sta gradualmente diminuendo. Si stima, ad esempio, che a 40 anni il corpo produca metà del collagene rispetto al periodo dell’adolescenza.

Questa riduzione dei livelli di produzione causa, tra l’altro, la perdita di elasticità e flessibilità della pelle, dolori articolari e muscolari, osteoporosi, disturbi della vista, disturbi circolatori, disagio a denti e gengive.

Tipi di collagene

Esistono 28 tipi di collagene, con caratteristiche definite per svolgere le loro funzioni, tuttavia i tipi più studiati di collagene sono:

Collagene di tipo I.

È il più abbondante nel corpo. Si trova principalmente nella pelle, ossa, tendini e cornea è mostrato sotto forma di fibra con smagliature che si uniscono e formano catene per dare forza, elasticità o flessibilità allo stesso tempo. Questo è il tipo di collagene con cui viene prodotta la gelatina.

Collagene di tipo II

È presente nella cartilagine e nell’umorismo vitreo dell’occhio. Fornisce resistenza alle pressioni intermittenti. È noto perché il collagene di tipo II è usato nel trattamento dell’ osteoartrosi e dell’artrite reumatoide. Anche in estetica è usato per trattare cellulite, rughe e altri segni dell’invecchiamento.

Collagene di tipo III

Lo troviamo nei tessuti muscolari, nelle pareti venose, nelle pareti intestinali e nella pelle. Funge da supporto per gli organi che hanno la capacità di espandersi e contrarsi. È il secondo collagene più abbondante ed è strettamente correlato al tipo I.

Collagene di tipo IV

Si trova principalmente nella pelle. La sua funzione è quella di servire da supporto e fornire la capacità di filtrare diverse sostanze. Lo troviamo anche nella lente dell’occhio, facente parte del sistema di filtraggio nei vasi capillari e nei vasi sanguigni all’interno del rene, contribuendo ad eliminare l’acqua in eccesso

Collagene di tipo V.

Fa parte del tessuto interstiziale ( è una rete fitta di canali pieni di liquidi) presente negli organi e nei tessuti situati all’interno del corpo. La sua funzione è associata a quella di tipo I, ovvero garantisce resistenza ed elasticità a organi e tessuti. .

Alimenti che aiutano nella produzione di collagene

Oltre agli integratori di collagene che possono essere assunti attraverso dei liquidi (collagene da bere), possiamo ricostituire il collagene attraverso una dieta ricca di proteine ​​animali, come carne rossa e pollo, anche se raccomandiamo soprattutto maiale, ali di pollo o stinchi di agnello.

Tutti sono una buona fonte di gelatina. La gelatina è un alimento ricco di proteine ​​e molto salutare che fornisce proteine ​​senza aggiungere calorie in più, a causa del suo basso potere calorico e della mancanza di grassi e quindi possiamo affermare che il collagene non fa ingrassare.

Cos’è il collagene idrolizzato?

Il collagene idrolizzato è un integratore alimentare. È una miscela di peptidi di collagene ed è ottenuta dalla gelatinizzazione e idrolizzazione del collagene dai tessuti animali ricchi di questa proteina. Di solito è sotto forma di capsule o polvere.

L’uso di integratori di collagene ha gradualmente guadagnato aderenti, al punto da essere catalogato al momento come prodotto di moda tra le celebrità, atleti eccetera.

Il boom è avvenuto circa 3 anni fa, in due gruppi specifici di popolazione:

1- Anziani con problemi articolari, come l’artrite o l’artrosi
2- Gli atleti, in particolare i ciclisti che hanno iniziato a usarlo per lesioni degenerative dovute all’usura della cartilagine che copre l’articolazione del ginocchio

chi deve assumere il collagene idrolizzato?

Un giovane, che si nutre in modo equilibrato e non soffre di una malattia che colpisce il tessuto collageno, ovviamente non ha bisogno di assumere integratori di collagene idrolizzato, però, dopo i 30 anni, la capacità del corpo di sintetizzarlo inizia a diminuire, gli effetti di questa perdita di collagene sono visibili dall’età di 50 anni: dolori articolari (osteoartrosi), perdita ossea (osteoporosi), invecchiamento cutaneo (rughe), ecc.

Negli atleti o nelle persone che praticano spesso esercizio fisico, i tessuti sono soggetti a usura eccessiva e prematura, questa perdita si manifesta in età precoce. Anche nelle persone in sovrappeso o in menopausa.

Benefici del collagene idrolizzato. È davvero efficace?

La realtà è che ci sono molte controversie sull’efficacia del collagene idrolizzato.

I suoi detrattori sostengono che, poiché non è un medicinale, non ha nessun meccanismo d’azione. Sostengono anche che non è necessario separare gli aminoacidi nel corpo e formare il collagene. Tuttavia, sono gli stessi consumatori a confutare le opinioni negative quando per loro funziona.

Allo stesso modo, il collagene idrolizzato ha seguaci incondizionati. Ci sono studi che confermano i suoi benefici, come quello pubblicato su “Hospital Nutrition” nel 2015. I suoi autori, dopo aver esaminato 60 studi scientifici esistenti finora sull’efficacia del collagene idrolizzato e valutato la sua azione terapeutica, concludono che tali studi indicano che il collagene idrolizzato “stimola la rigenerazione dei tessuti collageni, migliorando la sintesi del collagene tissutale e anche i restanti componenti minori di detti tessuti”. E che l’assunzione continua di collagene idrolizzato “aiuta a ridurre i dolori articolari causati dall’usura, rallenta la perdita ossea e attenua i segni dell’invecchiamento cutaneo”.

Affermano che questi risultati, insieme a un elevato livello di sicurezza e tolleranza, rendono il collagene idrolizzato un integratore adatto da assumere a lungo termine, indicato per prevenire e curare malattie degenerative croniche, come l’artrosi e l’osteoporosi, e per prevenire e attenuare l’invecchiamento cutaneo.

Sebbene non arresti l’artrosi, può aiutare a ritardarne l’insorgenza e migliorare i sintomi, rinforza la cartilagine, i tendini e l’area articolare.

Come prendere il collagene idrolizzato

Sebbene sul mercato il collagene idrolizzato viene spesso pubblicizzato in capsule, è più consigliabile utilizzare la polvere solubile, poiché la dose necessaria per ottenere i benefici di cui sopra, varia tra 10 e 12 grammi al giorno e, pertanto, sarebbe necessaria ingerire tra 10 e 15 capsule al giorno.

La polvere di collagene di solito si presenta in dose con un misurino per circa 10-13 grammi. Alcune marche includono anche alcuni integratori aggiuntivi, come MSM, magnesio, acido ialuronico e / o vitamina C.

Questa polvere deve essere sciolta in acqua o in qualsiasi altro liquido come indicato nel prodotto acquistato.

Un naturale alleato per la tua bellezza

Il collagene marino, come abbiamo detto è un estratto naturale che, impiegato sotto forma di integratore antiage in capsule o come siero cosmetico, aiuta a favorire il benessere della pelle e a contrastarne i processi di invecchiamento.

Il collagene marino è una proteina fibrosa, quindi che viene estratta dalla pelle e dalle squame dei pesci di mare, inclusi il salmone e il merluzzo, proprio con lo scopo di creare prodotti per uso umano utili a combattere l’invecchiamento cellulare.
Esiste anche un tipo di collagene che proviene da bovini e suini, ma questa varietà risulta utile solo per le articolazioni e non per la pelle.

L’utilizzo del collagene in cosmesi nasce quindi da un dato fondamentale sulla composizione della pelle umana: il derma, ossia lo strato profondo della cute, è costituito al 90% da collagene.
Le fibre di collagene vengono prodotte dai fibroblasti, le cellule più comuni e più importanti del derma.

Perchè utilizzare il collagene per l’invecchiamento della pelle?

Con il passare degli anni i fibroblasti producono sempre meno collagene, inferiore non solo per quantità ma anche per qualità, al punto che le fibre di collagene nel derma appaiono sempre più frammentate e si assiste ad una riduzione di spessore del tessuto connettivo di sostegno.
Parallelamente, rallenta anche la produzione delle componenti della matrice extracellulare, in pratica i fibroblasti non riescono più a sostituire con efficacia il materiale cutaneo danneggiato.

In questo modo il derma perde resistenza ed è facile che si formino le rughe d’espressione, dovute alle contrazioni muscolari del nostro viso che imprimono delle pieghe nel tessuto connettivo, e contemporaneamente è normale che la pelle perda tono e risulti cadente, priva di volume e con contorni poco definiti.
Questo processo si accelera ulteriormente se nella cute aumenta la presenza di particolari enzimi (metallo proteinase in particolare), responsabili della degradazione del collagene.

Ad esempio, un articolo del 2007 apparso sul British Journal of Dermarology ha descritto come l’esposizione ai raggi UV, quindi al sole e alle lampade, sia in grado di stimolare nella cute la produzione di sostanze pro-infiammatorie e di enzimi in grado di degradare la matrice extracellulare, oltre a sopprimere l’espressione genica del collagene, che pertanto diminuisce più rapidamente.
Allo stesso modo, anche solo il normale utilizzo della muscolatura del viso stressa il collagene cutaneo. Ed è per questo che proteggendo la pelle dai raggi del sole ed utilizzando un giusto quantitativo di collagene, di acido ianuronico e vitamina C la pelle verrà protetta diventando più elastica e idratata.

Il collagene riesce, quindi a mantenere giovane e luminosa la pelle, contrastando l’insorgere di rughe e inestetismi derivati dall’invecchiamento cutaneo. Ma i benefici del collagene marino non si fermano solo sulla pelle perchè anche i capelli e le unghie risultano più forti e resistenti.

Proprietà e benefici

Vediamo nello specifico quali sono le proprietà e i benefici che può apportare al corpo.

Come tanti integratori antiossidanti, è principalmente conosciuto come prodotto antiage finalizzato a ridurre i segni dell’invecchiamento e a prevenirne la comparsa delle rughe. Esso è la base strutturale per una pelle sana e giovane, poiché è in grado di rinnovare le cellule e di favorire l’elasticità della cute.


Il suo impiego non si limita però soltanto a queste funzioni ma anche per contrastare il lento ma graduale deterioramento dei tessuti, per prevenire gli strappi e le lesioni muscolari e dei tendini e per facilitare i processi di guarigione delle ferite.

Molto spesso questa proteina viene applicata direttamente sulla pelle come siero o crema, insieme ad altri ingredienti specifici, per accelerare la rimarginazione di tagli (anche quelli più profondi) e per la rigenerazione della pelle a seguito di eruzioni cutanee e/o ustioni.


Il collagene marino non ha soltanto proprietà cicatrizzanti ma, grazie ai suoi peptidi, anche antimicrobiche. La collagencina, presente nel collageno, inibisce in particolare la crescita del Locus Staphylococcus, dell’Escherichia Coli e di altri tipi di batteri cosi evitando l’insorgenza di infezioni.


Il collagene marino è composto da proteine, aminoacidi e grassi omega3. Grazie alla sua presenza si rafforzano le cartilagini e tutto l’apparato osseo, consentendo una migliore mobilità.

Ecco perché i prodotti a base di collageno marino sono particolarmente utili per gli sportivi e per le donne in menopausa.

Soprattutto queste ultime, a causa della carenza di estrogeni e di calcio (problemi naturalmente legati a questa particolare fase della vita) devono confrontarsi spesso con l’indebolimento delle ossa e la possibile insorgenza di osteoporosi. I peptidi favoriscono anche l’assorbimento di ferro ed altri minerali, che durante la menopausa vengono generalmente a mancare.

I peptidi sono in grado di apportare all’organismo ben 8 (su un totale di 9) aminoacidi essenziali, tra cui glicina e prolina in quantità maggiore. Esse svolgono importanti funzioni per tutto il corpo e, in particolare, contribuiscono notevolmente a migliorare la rigenerazione cutanea e quella strutturale di tendini e articolazioni.

La glicina favorisce la formazione di massa muscolare magra, consente una maggiore tolleranza del glucosio nel sangue prevenendo alcune forme di diabete, aiuta a prevenire le ulcere gastriche ed ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.

La prolina, invece, stimola la sintesi e contrasta fortemente l’azione dei radicali liberi, prevenendo i danni cellulari.
Alcuni studi hanno dimostrato che è in grado di regolare il metabolismo dei lipidi e di tenere sotto controllo anche i livelli di colesterolo nel sangue, abbassando quello cattivo (LDL) ed aumentando quello buono (HDL).


Data la sua composizione, inoltre, può essere di aiuto nella perdita di peso, soprattutto perché riduce notevolmente l’appetito. Ciò è dovuto al fatto che tale sostanza è ricca di proteine ma non contiene grassi, zuccheri e carboidrati.

Controindicazioni

Il collagene marino, in qualsiasi formato, non ha controindicazioni di alcun genere, a meno che non venga utilizzato da persone allergiche ad qualcuno dei suoi principi attivi. In tal caso è inutile dire che, qualora l’assunzione sia cominciata, bisogna sospenderne l’uso immediatamente.

Qualora vi siano dubbi di qualsiasi genere o in presenza di malattie, è sempre consigliabile rivolgersi al proprio medico prima di usarlo, sia come integratore antiage che in altri formati.

Send this to a friend